Stipendi PA: Guida su come fare a visualizzarli sul Portale NoiPA

Per i dipendenti della Pubblica Amministrazione è stato predisposto dall’amministrazione statale un sito web in cui verificare la propria situazione reddituale e i cedolini maturati mese per mese.

Un’area dedicata in cui accedere dopo aver registrato, verificato e confermato le proprie credenziali. La procedura è stata predisposta per creare un ambiente in cui i dipendenti statali possono verificare giorno dopo giorno la propria condizione reddituale.

Si tratta di un automatismo che permette di uniformare il trattamento dei dipendenti dei vari enti di cui è formato l’organizzazione statale. È possibile seguendo alcune semplici istruzioni visionare gli stipendi PA sul Portale NoiPA.

La registrazione

Il primo passo da compiere è registrarsi al sito noipa.mef.gov.it. Sono previsti tre metodi di riconoscimento, quello più semplice che prevede l’utilizzo di un indirizzo di posta elettronica e quelli che richiedono un documento rilasciato da una terza autorità pubblica, come la Carta Nazionale dei Servizi e l’autenticazione via SPID (Sistema Pubblico di Identità Digitale) rilasciati da enti certificatori dopo aver verificato l’identità di chi richiede il servizio.

Nel primo caso è necessario fornire un indirizzo di posta elettronica al responsabile dell’identificazione degli utenti, presente negli uffici scolastici della zona di residenza.

Il dipendente scolastico richiederà un indirizzo di posta elettronica, insieme al codice fiscale. Dopo aver effettuato l’identificazione si riceverà un email da cui poi procedere alla registrazione vera e propria.

Si dovrà fornire il proprio codice fiscale, la Domanda segreta, la risposta per il recupero e la password per accedere. A registrazione conclusa si riceverà un’ulteriore email di conferma del termine della procedura.

La Carta nazionale dei servizi è rilasciata da un ente statale, generalmente dalla Camera di Commercio, il chip identifica univocamente il titolare, la carta viene rilasciata dopo aver pagato un diritto di circa 36 euro.

Può essere utilizzata per l’identificazione automatica nel web, solo se si dispone di un lettore che concente una doppia autenticazione a garanzia della privacy dell’identità di chi si registra.

Il lettore può essere acquistato a pochi euro presso un rivenditore autorizzato, o in alternativa è possibile utilizzare la chiavetta fornita dalla stessa Camera di Commercio.

La doppia autenticazione via Spid, è un metodo di eseguire l’accesso che si sta diffondendo negli ultimi tempi. Avvallato dalle Poste, viene supportato da altre istituzioni che forniscono la certificazione dell’identificazione.

La registrazione viene fatta attraverso l’identificazione visiva e quella tecnologica, con l’autorizzazione all’utilizzo delle credenziali attraverso l’app Spid scaricabile sullo smartphone.

Tutti e tre i sistemi sono ugualmente validi, c’è da fare una considerazione, nella prima fase di accesso al sito è necessario effettuare una scelta, individuare il metodo di registrazione più facile e utilizzare solo ed esclusivamente quel sistema per entrare nel sito.

In alternativa si avranno sempre problemi di riconoscimento, visto la non interoperabilità dei tre sistemi. Quindi se si sceglie l’identificazione tramite SPID, si dovrà sempre avere un telefono a disposizione per autorizzare il tentativo di accesso, altrimenti non si potrà entrare nella propria area.

I documenti scaricabili

Nella sezione personale si potrà accedere con pochi click al rapporto finanziario lavorativo mese dopo mese, visionando e scaricando i cedolini, utilizzare il report dei versamenti ricevuti quale compenso per il lavoro svolto, scaricare la Certificazione Unica, richieta in fase di dichiarazione annuale dei redditi, controllare i messaggi nel proprio cassetto postale inviati e ricevuti dal centro assistenza, inviare e ricevere messaggi all’assistenza e leggere il proprio cassetto delle comunicazioni fiscali.

Quest’area è considerata molto utile dai dipendenti statali proprio perché consente di abbattere notevolmente i tempi per ottenere la documentazione utile a misurare la propria condizione economica.

Inoltre c’è un altro aspetto che forse non tutti considerano, la possibilità di visionare e salvare sul proprio computer permette agli utenti di evitare di sprecare inutilmente fogli di carta, preseservando l’ambiente da un inutile inquinamento.

Accedere al portale

Tra i requisiti richiesti ci sono quelli relativi al sistema da utilizzare per l’accesso corretto senza la visualizzazione di errori. È necessario utilizzare computer con sistemi operativi Windows o Linux, con rispettivamente browser Internet Explorer e Firefox Mozilla. Deve essere disponibile una memoria di adeguata capacità per salvare eventualmente i PDF e devono essere pre-attivati i cookies.

Si può accedere al portale tutte le volte che lo si desidera. È sufficiente scrivere nel browser, l’indirizzo noipa.mef.gov.it, alla destra è presente un riquadro in cui l’utente viene invitato ad entrare nella propria area riservata.

È sufficiente inserire il proprio codice fiscale e la password scelta in fase di registrazione per accedere ai dati personali e alle informazioni sensibili.

In alternativa se è stato scelto uno dei metodi alternativi devono essere implementati ogni volta che si ha intenzione di visionare la propria documentazione.

Va ricordato che la sessione, in caso risulti inattiva, viene interrotta dopo 10 minuti in cui il sistema non registra scelte da parte dell’utente. Il tutto viene utilzzato per garantire privacy e sicurezza sia alle credenziali del titolare, che alle informazioni sensibili dello stesso.

Password dimenticata

Molto spesso, se non si utilizza il completamento automatico del browser, può capitare di non ricordare più la password utilizzata. È da evitare assolutamente l’inserimento a caso di tutte le password che si ricordano.

Come risultato si avrebbe il blocco totale dell’account, che dura per 48 ore, ma che può creare non pochi disagi a chi ha necessità di verificare l’ammontare dello stipendio.

Il problema con la Carta Nazionale dei servizi non si presenta, poiché il pin è trascritto sulla documentazione fornita, lo stesso vale anche per l’autenticazione SPID.

Recupero password

In caso di smarrimento dei dati di login, l’unica soluzione è rappresentata dal link tramite il quale segue la procedura per il recupero della stessa.

Il collegamento è presente nella finestra di login e attraverso la risposta alla domanda segreta, fornite in fase di registrazione, si potrà ricevere in posta elettronica una password temporanea, da modificare e personalizzare al prossimo accesso.

Come fare a visualizzare gli stipendi PA

Per visualizzare gli stipendi nel portale NoiPA è necessario effettuare degli ulteriori passaggi. Tutti i documenti utili per verificare la propria situazione finanziaria sono accessibili attraverso la propria area riservata.

È sufficiente cliccare sul lucchetto presente in alto a destra per entrare nella pagina di visualizzazione di tutti i documenti disponibili. La prima voce porta alla visualizzazione del cedolino mensile in cui è possibile verificare lo stipendio percepito nel mese corrente.

I precedenti sono disponibili nell’Archivio Cedolini. In ogni caso è possibile visualizzare un’anteprima in cui è visualizzabile la data di emissione, l’ufficio che lo ammesso e l’amministrazione a cui si appartiene, l’importo percepito e il link per effettuare il download del cedolino in formato PDF.

Da questo momento in poi è possibile inviare il cedolino via email al proprio consulente, stamparlo o salvare su una unità di archiviazione come un disco fisso o una pennetta USB.

È importante non dimenticare che nella stessa sezione è possibile non solo scaricare il proprio cedolino, ma anche visualizzare e utilizzare il CUD, utile per la determinazione annuale del reddito, si potranno scaricare anche le certificazioni uniche degli anni precedenti.

ISAE – il Team

L’attività SEO su Isae.it è gestita dalla Fattoretto srl.

Per contattare il team di Isae.it e richiedere informazioni basta andare nella pagina contatti, che potrai trovare cliccando qui.

Disclaimer

Tutte le informazioni presenti nel sito isae.it sono da intendere a puro scopo informativo e NON rappresentano in alcun modo consigli o indicazioni finanziarie. Gli Autori ed i titolari di isae.it non possono garantire il successo delle strategie suggerite e non si assumono la responsabilità per le scelte e gli investimenti fatti dai lettori.

ISAE- Istituto Studio Analisi Economica

L’ISAE prosegue le inchieste congiunturali sui consumatori e sulle imprese già svolte dall’ISCO, garantendone la continuità scientifica, per quel che riguarda le serie storiche dal 1982. Le indagini sono svolte nell’ambito di uno schema armonizzato in sede europea, che ne consente la comparazione con quelle realizzate da altri analoghi Istituti comunitari (come l’Institut National de la Statistique et des Etudes Economiques – INSEE in Francia e l’Institut fűr Wirtschaftsforschung – IFO in Germania).

Copyright 2018 Isae.it di Fattoretto srl – P.iva 04245770278

L’attività SEO su Isae.it è gestita da www.massimofattoretto.com.