TutelaTi Cessione del Quinto: Quali servizi offre?

Cessione del quinto: cos’è?

La cessione del quinto è uno strumento davvero molto importante per chi richiede un mutuo. Infatti chi ha bisogno di una somma di denaro richiede solitamente un ingente prestito ad una banca, per poter acquistare casa oppure un bene costoso.

In molti casi viene chiesto anche un mutuo per poter avviare una nuova attività. Tra i tanti strumenti per poter estinguere il proprio debito esiste anche la cessione del quinto, che permette al debitore di cedere la quinta parte del proprio stipendio o della propria pensione.

Ma cosa cambia rispetto ad una rata tradizionale? Chi richiede la cessione del quinto sa subito a cosa andrà in conto: infatti la rata è fissa perché prevede la cessione della quinta parte del proprio reddito. Se ad esempio lo stipendio percepito è di 1500 euro, la rata del mutuo non potrà superare i 300 euro mensili.

In questo modo si conosce a priori la rata, ma soprattutto si avrà la certezza che la quota mensile non subirà nessun tipo di variazione. È molto importante affidarsi a professionisti del caso, in modo tale da capire quali sono le scelte da fare e come muoversi all’interno di questo mondo.

Il servizio TutelaTi è pensato appositamente per chi vuole chiedere la cessione del quinto. Ecco dunque tutti i servizi offerti per quanto riguarda questo strumento finanziario.

Come funziona la cessione del quinto?

Abbiamo visto come funziona in linee generali la cessione del quinto. Ma cosa c’è da sapere oltre la cessione di una quinta parte del proprio stipendio? Innanzitutto l’operazione non è automatica, ma deve essere accettata. La presenza di un contratto a tempo indeterminato è sicuramente una marcia in più per poter accettare la richiesta.

Questa pratica è molto utilizzata nel pubblico, dove pensionati o dipendenti della pubblica amministrazione possono chiedere la cessione senza particolari problemi. Anche le aziende private vengono considerate, anche se ci saranno più controlli. Se quell’azienda ha già ottenuto la cessione del quinto per altri dipendenti, la richiesta sarà accettata quasi sicuramente.

L’azienda in questione ha un ruolo fondamentale in questa richiesta. Infatti sarà la ditta stessa a girare un quinto dello stipendio direttamente alla banca. Proprio per questo motivo è necessario effettuare una richiesta e aspettare il controllo della banca: solo dopo il via libera si potrà avere il via libera.

La procedura non è semplice ed è tortuosa: proprio per questo motivo è necessario affidarsi a dei professionisti del settore, in grado di gestire al meglio il tutto.

Di che cosa si occupa TutelaTi?

Per la cessione del quinto fatta in modo corretto e senza brutte sorprese ci si può rivolgere al servizio TutelaTi. Quest’associazione di tutela consumatori è raggiungibile al sito www.tutelati.org e mette a disposizione del cliente un team di professionisti di questioni finanziarie.

Molti di essi lavorano gratuitamente, rendendo un servizio volontario al cittadino. Inoltre, l’associazione ha il compito di tutelare i cittadini i cui soldi siano stati indebitamente trattenuti da intermediari finanziari di qualsiasi natura.

TutelaTi è attiva su tutto il territorio italiano, poiché i professionisti sono raggiungibili con pochi clic attraverso il sito o l’indirizzo mail. Mediamente il rimborso che ogni persona rivoltasi a TutelaTi è riuscita a ottenere è di 3000 euro.

Tra le varie questioni di cui TutelaTi si occupa ci sono gli illeciti bancari. L’anatocismo bancario sugli interessi attivi o passivi oppure l’usura sono procedure che purtroppo possono capitare al cittadino: l’associazione consumatori TutelaTi fornisce consulenza economica per evitare di incappare in questi illeciti. Inoltre, l’azienda si occupa di consulenza finanziaria al fine di perfezionare investimenti a breve, medio e lungo termine.

TutelaTi e la cessione del quinto

Tra i tanti servizi offerti da TutelaTI troviamo anche quello della Cessione del Quinto. La società offre infatti una consulenza in materia, in modo tale da tutelare tutti i propri iscritti. Quando si effettua la Cessione del Quinto si può andare incontro alla rinegoziazione del mutuo.

Quando si cambia istituto di credito, per poter avere un tasso agevolato, si ha una rinegoziazione del proprio mutuo. Spesso ci sono degli intermediari finanziari e ci potrebbero essere dei crediti insoluti. TutelaTi permette ai propri iscritti di risolvere qualsiasi controversia.

Al momento, stando ai dati ufficiali diffusi, chi è iscritto a questa associazione dei consumatori ha in media recuperato circa 3.000 euro. La cifra è ovviamente soggetta a dei cambiamenti, ma comunque dimostra la serietà e l’affidabilità degli esperti del settore.

È molto importante affidarsi a chi sa muoversi all’interno del mondo della finanza, per evitare sorprese ma soprattutto per poter portare a termine qualsiasi tipo di strumento finanziario attivo.

Quali sono i servizi offerti da TutelaTi

TutelaTi non è attiva soltanto nella tutela del cittadino dal punto di vista economico. L’associazione, infatti, permette di accedere anche ad altri servizi personalizzati come ad esempio la consulenza legale. La tutela è a 360 gradi e prevede professionisti sempre aggiornati sulle novità di settore.

Le leggi, infatti, cambiano con grande facilità e bisogna rimanere costantemente informati sui tipi di cambiamento. La consulenza legale può essere richiesta sia da parti lese da privati cittadini sia da parti lese da aziende o associazioni statali o parastatali. Anche nel caso della consulenza legale si possono richiedere informazioni online in pochi istanti.

Altro ma non meno importante servizio offerto da TutelaTi è la consulenza assicurativa. I pacchetti di assicurazioni tagliati sulle esigenze di ogni cittadino esistono, ed è giusto non lasciarsi imbrogliare da clausole ingiuste. Inoltre, TutelaTi aiuta i cittadini che per qualche motivo vengono penalizzati a livello assicurativo (ad esempio dopo un sinistro stradale o dopo un mancato pagamento di una rata).

Affidandosi a un’associazione di tutela dei consumatori si minimizzano i rischi di frode assicurativa e si viene messi al riparo da eventuali fallimenti delle aziende che erogano questo servizio.

Le anticipazioni per il 2019 per l’approccio a TutelaTi

Per il prossimo futuro converrà o meno rivolgersi ad associazioni di tutela del consumatore come TutelaTi? Sicuramente l’instabilità economica italiana può essere dietro l’angolo, dunque è possibile che ci siano dei tentativi di rivalsa sul cittadino. Ecco perché rivolgersi a TutelaTi potrebbe essere una buona idea.

Inoltre, dei professionisti di questo tipo richiedono cifre irrisorie per le consulenze e a volte le forniscono anche gratuitamente. Ecco perché nel futuro aumenterà sicuramente il numero di persone che si rivolgeranno a loro.

Infine, queste associazioni possono formare un fronte compatto contro le ingiustizie retributive e contributive, permettendo ai lavoratori di fare non solo ricorsi singoli, ma anche vere e proprie class action contro manovre a loro sfavorevoli: sicuramente una carta da giocare per essere più tutelati.

Per esempio i lavoratori della Ryanair si sono rivolti ad associazioni consumatori simili per essere salvati contro i tagli al personale e gli aumenti di ore lavorative. I licenziamenti ingiusti, infatti, sono la prima motivazione di ricorso e class action dei lavoratori, sempre supportati da un’associazione libera e gratuita come ad esempio TutelaTi.