Analisi fondamentale Forex: Guida pratica al forex

Cos’è il Forex?

Inavvertitamente potresti aver già partecipato al mercato forex. Se hai mai viaggiato in un altro paese, probabilmente hai trovato un ufficio di cambio valuta all’aeroporto e hai cambiato il denaro che hai portato nel tuo portafoglio nella valuta del paese che stai per visitare.

In questo modo hai già partecipato al mercato Forex, hai scambiato una valuta con un’altra. O detto in termini di mercato, se sei un cittadino spagnolo in visita negli Stati Uniti, avresti venduto euro e avresti comprato dollari americani.

Al tuo ritorno a casa, se hai lasciato i dollari, tornerai all’ufficio di cambio per cambiare questi dollari e noterai che i tassi di cambio sono cambiati. Sono queste fluttuazioni dei tassi di cambio che ti permetteranno di guadagnare (o perdere) denaro nel mercato delle valute.

Pertanto, il mercato dei cambi è il mercato più grande e più attivo del mondo, anche se non il più conosciuto. È qui che le banche e i singoli commercianti (commercianti o commercianti) si scambiano grandi quantità di valuta estera, principalmente per favorire il commercio e gli investimenti tra paesi. Questo mercato è aperto tutto il giorno e tutta la notte (tranne nei fine settimana) e il volume degli scambi ammonta a circa 5 miliardi di dollari al giorno.

Ad esempio, rispetto al volume di scambi relativamente modesto di 30 miliardi dalla Borsa di New York, il mercato dei cambi è immenso. Quell’enorme cifra di 5 miliardi rappresenta il mercato globale delle valute, ma gli operatori privati ??operano sul mercato un volume di scambi pari a circa il 30% del mercato totale globale, ovvero lo stesso 1,5 miliardi al giorno .

Chi opera nel Forex?

Il mercato consiste fondamentalmente di quattro diversi gruppi di operatori, secondo gli esperti di Admiral Markets. Nella parte superiore della scala del mercato Forex è il mercato interbancario. Composto dalle più grandi banche del mondo e da alcune banche più piccole. Questo gruppo di partecipanti al mercato opera direttamente tra loro o elettronicamente attraverso i servizi di intermediazione elettronica o EBS (servizi di intermediazione elettronica) o attraverso il sistema di controparte in contanti di Thomson Reuters. La concorrenza tra le due società (EBS e Thomson Reuters Cash Counterparty System) è feroce.

Tutte le banche che fanno parte del mercato interbancario possono vedere i prezzi offerti da altri, ma questo non significa che chiunque possa operare con Forex a quei prezzi. I prezzi dipenderanno in larga misura dalla relazione di credito stabilita tra le parti che operano. Alcune delle grandi banche che costituiscono il mercato interbancario sono UBS, Barclays Capital, Deutsche Bank e Citigroup. Anche alcuni governi e le loro banche centrali, come la Banca centrale europea, la Banca d’Inghilterra o la Federal Reserve, sono solitamente coinvolti nel mercato interbancario.

Nella fase successiva ci sono governi più piccoli, fondi di investimento, grandi società, market maker per il cliente particolare ed ECN per il cliente in particolare. Poiché queste istituzioni non hanno sempre rapporti di credito con i partecipanti al mercato interbancario, devono effettuare le loro transazioni attraverso banche commerciali. Ciò implica che i loro prezzi sono leggermente più alti e più costosi di quelli di quelli che partecipano al mercato interbancario.

Le società private partecipano anche al mercato dei cambi con lo scopo di fare affari. Ad esempio, Apple deve prima scambiare i suoi dollari USA con lo yen giapponese per acquistare componenti elettronici in Giappone per i suoi prodotti. Poiché il volume che gestiscono è molto più piccolo dei partecipanti al mercato interbancario, questo tipo di operatore del mercato si occupa tradizionalmente delle banche commerciali per le loro transazioni. Come le aziende, i governi nazionali più piccoli partecipano al mercato Forex per condurre le loro operazioni, per i loro pagamenti nel commercio internazionale e per gestire le loro riserve in valuta estera.

Alla base della scala ci sono gli operatori privati ??finali o particolari. Era molto difficile per gli operatori privati ??partecipare al mercato Forex, ma grazie allo sviluppo di Internet, piattaforme di trading elettronico e broker rivolti a clienti particolari come Admiral Markets, le difficili barriere di accesso del passato sono state superate soppressa.

Quando puoi fare trading nel Forex?

L’orario di apertura del mercato Forex va dal lunedì mattina a Sydney, in Australia, al venerdì pomeriggio a New York. Durante quel periodo il mercato è aperto in qualche punto del globo durante tutte le ore del giorno o della notte. Tuttavia, non è un mercato 24/7 perché chiude nei fine settimana. 24/5 sarebbe più preciso. Il mercato Forex può essere suddiviso nelle quattro sessioni di trading più importanti: la sessione di Sydney, la sessione di Tokyo, la sessione di Londra e la sessione di New York.

Di solito il momento migliore per fare trading nel mercato Forex è quando si negoziano grandi volumi di valute. In quelle ore, i trader possono sfruttare la liquidità disponibile nei mercati Forex. Poiché il mercato Forex è scambiato 24 ore al giorno, la maggiore liquidità si verifica quando diversi paesi sono scambiati allo stesso tempo.

In ogni fuso orario del mondo, i mercati Forex operano dalle 8 del mattino alle 4 del pomeriggio. Pertanto, per sfruttare i grandi volumi di trading, è interessante determinare quando gli orari del mercato Forex coincidono in paesi diversi. Quando le valute sono più attive, è quando gli operatori avranno migliori opportunità di ottenere benefici.

Per operare nel Forex, richiede molte analisi e calcoli. E chi ha praticato questa attività per molto tempo può affermare che il Forex è un’arte piuttosto che una scienza. I migliori operatori del mercato hanno avuto il tempo di migliorare le loro competenze attraverso la pratica e la pazienza, eccovi alcuni consigli che vi saranno utili se siete alle prime armi.

Consigli utili per iniziare:

  • Molto importante è stabilire obiettivi coerenti con il vostro stile. Come accennato in precedenza, il trading Forex è un’arte. E non ci sono due artisti che possono dipingere un dipinto allo stesso modo. Disegnate una mappa per raggiungere i vostri obiettivi. Studiate con persistenza gli esperti del mercato e del settore per comprendere le loro strategie. Questo vi aiuterà a forgiare il percorso verso il successo.
  • All’inizio, intelligente è selezionare le strategie di trading di altre persone in base a ciò che più vi colpisce, fatevi ispirare. Quando avrete un po ‘più di esperienza, potrete creare la vostra strategia che si adatterà perfettamente al vostro stile di trading e magari qualcuno trarra ispirazione a sua volta da voi.
  • Studiate i grafici dei prezzi ed estrapolate le informazioni per prevedere le informazioni sul mercato per la settimana seguente. In questo modo avrete un buon vantaggio e sarete in grado di eseguire operazioni più redditizie.
  • Se siete dei principiante ed avete appena effettuato il vostro primo deposito, rischiate solo una piccola percentuale del vostro capitale. Non scommettete mai tutto. Assicuratievi di poter sopportare le perdite commerciali e recuperare i perduti.
  • Su Internet potrete trovare centinaia di consigli di trading, ma dovrete differenziare quelli più utili da quelli che non lo sono. I cattivi consigli possono causare molti problemi, come la perdita totale del deposito iniziale. Fortunatamente, si trovano molti buoni consigli Forex per aiutarvi nella vostra carriera.

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

ISAE – il Team

L’attività SEO su Isae.it è gestita dalla Fattoretto srl.

Per contattare il team di Isae.it e richiedere informazioni basta andare nella pagina contatti, che potrai trovare cliccando qui.

Disclaimer

Tutte le informazioni presenti nel sito isae.it sono da intendere a puro scopo informativo e NON rappresentano in alcun modo consigli o indicazioni finanziarie. Gli Autori ed i titolari di isae.it non possono garantire il successo delle strategie suggerite e non si assumono la responsabilità per le scelte e gli investimenti fatti dai lettori.

ISAE- Istituto Studio Analisi Economica

L’ISAE prosegue le inchieste congiunturali sui consumatori e sulle imprese già svolte dall’ISCO, garantendone la continuità scientifica, per quel che riguarda le serie storiche dal 1982. Le indagini sono svolte nell’ambito di uno schema armonizzato in sede europea, che ne consente la comparazione con quelle realizzate da altri analoghi Istituti comunitari (come l’Institut National de la Statistique et des Etudes Economiques – INSEE in Francia e l’Institut fűr Wirtschaftsforschung – IFO in Germania).

Copyright 2018 Isae.it di Fattoretto srl – P.iva 04245770278

L’attività SEO su Isae.it è gestita da www.massimofattoretto.com.