Cessione del Quinto dello Stipendio: le Migliori Offerte

Se avete bisogno di liquidità per affrontare una spesa improvvisa o semplicemente perché volete acquistare un’automobile o altri beni o servizi potete richiedere un prestito utilizzando la formula della cessione del quinto dello stipendio o della pensione. Vediamo come funzionano i prestiti con cessione del quinto, quali sono i soggetti che possono richiederli e le migliori offerte proposte dagli istituti di credito.

Cessione del quinto dello stipendio: caratteristiche principali

I prestiti con cessione del quinto dello stipendio sono stati pensati appositamente per soddisfare le richieste di liquidità dei dipendenti pubblici o privati, una formula che permette a coloro che hanno un reddito fisso di accedere più facilmente ai finanziamenti.

I prestiti con cessione del quinto vengono anche definiti garantiti, poiché le rate vengono versate direttamente dall’amministrazione di competenza o dal datore di lavoro.

Questo particolare tipo di prestito è a tasso fisso e viene rimborsato con rate mensili costanti, tramite il prelievo diretto di un quinto dello stipendio.

I soggetti che possono richiedere un prestito con cessione del quinto sono:

  • dipendenti pubblici;
  • dipendenti privati;
  • pensionati.

Oltre a questo specifico requisito, gli istituti di credito prima di concedere il finanziamento richiedono altre particolari garanzie: contratto a tempo indeterminato e anzianità lavorativa minima, inoltre è necessario che anche l’azienda presso cui lavora il dipendente soddisfi alcuni requisiti: numero di dipendenti, capitale sociale, ecc.

Se rispettati i criteri di ammissibilità sopraelencati, il richiedente avrà sicuramente accesso al credito, visto che le banche tramite il prelievo diretto di un quinto dello stipendio hanno una garanzia che il prestito verrà sicuramente rimborsato.

Per poter presentare richiesta di prestito con la formula della cessione del quinto, le banche richiedono la presentazione di alcuni documenti: il certificato di stipendio e l’ultima busta paga percepita per attestare la capacità reddituale, i documenti anagrafici e nel caso dei dipendenti privati il benestare del datore di lavoro, che è il soggetto obbligato ad effettuare i pagamenti delle rate. É importante sottolineare che quando si richiede un prestito con cessione del quinto dello stipendio, è obbligatorio contrarre una polizza assicurativa rischio vita o perdita dell’impiego.

I prestiti agevolati dell’Inps per i dipendenti statali

Per i dipendenti pubblici o degli enti parastatali è possibile ottenere un prestito con cessione del quinto dello stipendio a tasso agevolato; questi finanziamenti possono essere erogati direttamente dall’Inps o tramite alcuni istituti di credito convenzionati.

I dipendenti pubblici possono richiedere tre diverse tipologie di finanziamento da rimborsare tramite un prelievo di un quinto dello stipendio:

  1. piccolo prestito;
  2. prestito pluriennali diretti;
  3. prestito pluriennali garantiti.

Per potervi accedere è necessario essere in possesso di un contratto a tempo indeterminato o determinato (solo per i piccoli prestiti), anzianità lavorativa e iscrizione alla Gestione unitaria delle prestazioni creditizie e sociali. Per quanto riguarda il piccolo prestito si possono richiedere al massimo 1,2,3,4 mensilità nette di stipendio da restituire in 12, 24, 36, 48 rate; il tasso di interesse agevolato è del 4,25% a cui aggiungere lo 0,50% per le spese di gestione. I prestiti pluriennali diretti dell’INPS possono avere durata quinquennale o decennale e il tasso di interesse fisso è del 3,50% più le spese di amministrazione dello 0,50%, mentre quelli garantiti vengono erogati dagli istituti di credito convenzionati con l’ente e hanno dei tassi di interesse diversi, ma sempre vantaggiosi.

Il prestito con cessione del quinto dello stipendio di Findomestic

In alternativa ai prestiti per i dipendenti pubblici erogati dall’Inps, vi sono molti istituti di credito che propongono diverse offerte di finanziamento con la formula della cessione del quinto per i lavoratori privati.

Tra le migliori offerte di prestiti con prelievo di un quinto dello stipendio, troviamo quello di Findomestic pensato sia per i lavoratori pubblici che privati. Per richiedere il prestito Findomestic cessione del quinto è necessario essere in possesso di un contratto di lavoro a tempo indeterminato.

Con il finanziamento di Findomestic non si pagano le spese di gestione della pratica, l’imposta di bollo, le commissioni e l’imposta sostitutiva, insomma è un prestito a zero spese. Il tasso di interesse fisso applicato da Findomestic è del 5,60 % mentre il TAEG è pari al 5,95%, quindi se si richiede una somma pari a 16.000 € da restituire in 120 mesi, la rata mensile sarà di 176,00 € al mese.

Per i dipendenti pubblici sono previste ulteriori agevolazioni, dato che Findomestic ha sottoscritto una convenzione con il Ministero Economia e Finanze.

L’offerta Unicredit per i dipendenti pubblici e privati

Tra le migliori offerte di prestiti con cessione del quinto dello stipendio vi segnaliamo quello proposto dalla banca Unicredit per i dipendenti pubblici e privati. Con Unicredit i dipendenti pubblici possono richiedere un finanziamento pari o inferiore ai 72.000€, mentre per i lavoratori privati il massimo erogabile è di 47.000 €.

Il prestito può avere una durata minima di 24 mesi fino ad un massimo di 120 mesi e come sempre non può superare un quinto della retribuzione netta mensile.

La banca Unicredit ha stabilito per i prestiti con cessione del quinto un tasso di interesse fisso del 5,50% e un TAEG pari al 6,13%, questo tasso può variare se si è dipendenti pubblici o privati o nel caso in cui l’istituto di credito decida di iniziare una nuova promozione.

Se si sottoscrive un finanziamento con Unicredit, si dovrà versare l’imposta sostitutiva e gli altri oneri fiscali per una spesa complessiva di 400.00 €, inoltre è previsto un costo fisso di 180.00 € per le spese di commissione e gestione della pratica.

La proposta di IBL Banca per la cessione del quinto

Anche IBL Banca propone un’offerta vantaggiosa per chi vuole ottenere un prestito tramite cessione del quinto: Rata Bassotta IBL.

Il prestito IBL non prevede spese di gestione della pratica e per le commissioni, inoltre può essere richiesto anche da chi possiede un contratto a tempo determinato. Il finanziamento può essere rimborsato i 24, 36, 48,72 e 120 mesi tramite trattenuta diretta di un quinto dello stipendio.

IBL Banca non indica un importo massimo di finanziamento, ma sottolinea che il limite viene stabilito in base alla capacità reddituale, al TFR e all’anzianità maturata. É previsto il pagamento dell’imposta sostitutiva e degli altri oneri erariali. IBL Banca propone due diverse tipologie di prestito con cessione del quinto: Rata Bassotta Baby e Rata Bassotta.

La Rata Bassotta Baby è per importi più piccoli mentre quella Bassotta è prevista per importi superiori ai 10.000 €.

Per comprendere la differenza IBL Banca fornisce alcuni esempi:
se richiedete 5.000 € da restituire in 36 mesi con Rata Bassotta Baby avrete un TAN fisso del 4,45% e un TAEG del 4,72%, di conseguenza l’importo della rata sarà di 149 €, mentre se volete ottenere un prestito di 20.000 € da restituire in 120 mesi, con la Rata Bassotta è previsto un TAN 4,50% e un TAEG 5,42% per una rata mensile pari a 215 €.

Cessione del Quinto dello Stipendio: anticipazioni 2019

Nei prossimi mesi è stata annunciata una riduzione dei tassi di interesse per i finanziamenti con cessione del quinto da parte di Intesa San Paolo sia per i prestiti per dipendenti pubblici che per quelli privati. La Linea Perte di Intesa San Paolo è infatti pensata per i finanziamenti a tasso fisso con la formula della cessione del quinto e prevede al momento un TAN 6,505 e un TAEG 6,79%. In attesa di ulteriori informazioni, vi segnaliamo che il prestito Perte può essere rimborsato entro e non oltre i dieci anni e che non vi sono commissioni o spese di gestione.

ISAE – il Team

L’attività SEO su Isae.it è gestita dalla Fattoretto srl.

Per contattare il team di Isae.it e richiedere informazioni basta andare nella pagina contatti, che potrai trovare cliccando qui.

Disclaimer

Tutte le informazioni presenti nel sito isae.it sono da intendere a puro scopo informativo e NON rappresentano in alcun modo consigli o indicazioni finanziarie. Gli Autori ed i titolari di isae.it non possono garantire il successo delle strategie suggerite e non si assumono la responsabilità per le scelte e gli investimenti fatti dai lettori.

ISAE- Istituto Studio Analisi Economica

L’ISAE prosegue le inchieste congiunturali sui consumatori e sulle imprese già svolte dall’ISCO, garantendone la continuità scientifica, per quel che riguarda le serie storiche dal 1982. Le indagini sono svolte nell’ambito di uno schema armonizzato in sede europea, che ne consente la comparazione con quelle realizzate da altri analoghi Istituti comunitari (come l’Institut National de la Statistique et des Etudes Economiques – INSEE in Francia e l’Institut fűr Wirtschaftsforschung – IFO in Germania).

Copyright 2018 Isae.it di Fattoretto srl – P.iva 04245770278

L’attività SEO su Isae.it è gestita da www.massimofattoretto.com.