Finanziamenti a Fondo Perduto: Cosa Sono e Come Fare per Ottenerli

Novità e anticipazioni sui Finanziamenti a Fondo perduto

I Finanziamenti a Fondo Perduto sono misure economiche finalizzate ad incrementare l’economia e lo sviluppo del territorio mediante l’erogazione di un prestito senza obblighi di reso.

Questo tipo di finanziamento è rivolto a chiunque e in particolar modo a chi non presenta i requisiti necessari per richiedere un ordinario finanziamento bancario o a coloro che rientrano in determinate soglie di età e di reddito.

Grazie all’impiego di questi fondi è possibile per moltissimi individui richiedere un finanziamento per avviare una propria attività o per rimodernare un’impresa già avviata.

La modalità per richiedere un Finanziamento a Fondo Perduto varia notevolmente a seconda della tipologia di prestito per cui ci si candida.

Tuttavia ci sono delle specifiche accortezze e considerazioni molto utili nel caso stiate meditando di richiedere questo tipo di finanziamento.

Nel caso foste interessati a scoprire quali sono le tipologie di finanziamento adatte ai vostri criteri e soprattutto al come fare per richiederne uno nella propria città, ecco una serie di consigli e indicazioni per inoltrare la modulistica e richiedere anche voi il vostro Finanziamento a Fondo Perduto.

Finanziamenti a Fondo Perduto: caratteristiche e requisiti 2018 2019

Come già detto, i Finanziamenti a Fondo Perduto sono dei prestiti in denaro erogati da numerosi enti, sia statali che europei, per supportare imprenditori di ogni categoria non aventi i requisiti necessari per la richiesta di un prestito bancario.

Questo tipo di finanziamento spesso non ha alcun vincolo di restituzione ma non è sempre così: infatti, prima di inoltrare qualsiasi domanda è bene informarsi sui requisiti necessari per accedervi, sui servizi erogati a seconda della propria condizione di partenza e, soprattutto, formulare un accurato progetto che mostri nel dettaglio il tipo di attività che intendete aprire o rimodernare.

Questo passaggio sarà fondamentale poiché vi aiuterà a comprendere i reali costi di partenza da prevedere al momento dell’invio della richiesta. Anche i requisiti cambiano notevolmente a seconda dell’entità del vostro progetto e della natura del finanziamento, basti pensare a tutte le misure adottare nel corso di quest’anno per agevolare giovani imprenditori e donne in carriera under 30 o under 35.

Infatti, anche se si possiedano i requisiti necessari all’apertura di un prestito bancario molti di questi bandi sono rivolti a più categorie di persone, dando così la possibilità a chiunque di accedere ad un Finanziamento a Fondo Perduto.

Chi eroga i Finanziamenti a Fondo Perduto?

I Finanziamenti a Fondo Perduto possono essere divisi in due macro-categorie: a gestione diretta, quindi erogati dall’Unione Europea, oppure indiretta e quindi erogati da enti locali e territoriali aventi lo scopo di ripartire i fondi della comunità tra tutti i soggetti risultati idonei.

Numerosi prestiti e finanziamenti a fondo perduto sono infatti erogati da comuni, regioni, province e associazioni di varia natura al fine di incrementare l’economia locale e contrastare la disoccupazione.

Come fare per ottenere un Finanziamento a Fondo Perduto?

Per cominciare vi consigliamo di controllare periodicamente tutti i bandi, locali e non pubblicati sugli specifici giornali di riferimento. Oppure, è ulteriormente possibile rivolgersi ad Invitalia ( Agenzia nazionale per lo sviluppo d’impresa) che annualmente pubblica numerosi bandi rivolti a più categorie di soggetti.

Una volta scelto il bando in conformità con quelli che sono i vostri desideri, obiettivi e requisiti iniziali vi basterà inviare l’apposita richiesta di finanziamento tramite il portale dedicato: prima di procedere con l’invio vi invitiamo a valutare accuratamente tutte le opzioni al fine di scegliere il tipo di Finanziamento a Fondo Perduto più adatto a voi. Una volta invitata la richiesta dovrete aspettare che l’ente in questione attui una prima selezione.

Solo successivamente sarete contattati per un colloquio dove dovrete mostrare il business plan completo di tutti i dati necessari affinché possiate esporre tutte le vostre idee o i vostri progetti.

Di sicuro un buon business plan è uno strumento molto importante per convincere gli investitori ad erogare il finanziamento, perciò vi consigliamo di compilarlo accuratamente anche con l’aiuto del vostro commercialista di fiducia. All’interno del piano dovrete prevedere i costi di avvio, manodopera e ristrutturazione, beni materiali coinvolti ma soprattutto è necessario che vi sia un piano di profitto in grado di mostrare quali sono gli obiettivi economici che desiderate raggiungere.
Una volta superato il colloquio orale potrete ricevere il vostro prestito nei termini e nelle condizioni previste dal bando.

Limiti e vincoli temporali a cui soggiace l’imprenditore

Le caratteristiche di un Finanziamento a Fondo Perduto non prevedono la restituzione di capitale tramite mutui o interessi, ma non sempre. Vi sono determinati tipi di prestiti che prevedono la restituzione di una parte di capitale in un arco temporale limitato e che quindi sono solo parzialmente a fondo perduto.

In generale l’imprenditore a cui è stato concesso il finanziamento deve garantire il pieno esercizio della sua attività dal momento della sottoscrizione sino ad un periodo di 5 anni, mantenendo la posizione della propria sede. Anche i beni e gli oggetti materiali coinvolti dovranno essere utilizzati dal momento dell’erogazione sino a 5 anni, in quanto anche l’acquisto di essi deriva dai fondi erogati per l’apertura dell’impresa.

È possibile cumulare un Finanziamento a Fondo Perduto con altri prestiti?

Una delle caratteristiche più interessanti dei Finanziamenti a Fondo Perduto è proprio la loro cumulabilità: queste tipologie di prestiti sono infatti cumulabili con altre tipologie di agevolazioni, finanziamenti, prestiti e tanto altro e non limitano in alcun modo in lavoratore che li richiede.

Grazie a questa possibilità chi risulta beneficiario di un Finanziamento a Fondo Perduto potrà godere contemporaneamente di altri benefici derivanti da altri bandi e acquisire tutti gli strumenti per avviare e mantenere il successo della propria attività.

Le caratteristiche di questi finanziamenti rispondono perfettamente ad esigenze lavorative e di mercato molto complesse in aiuto degli imprenditori creativi e desiderosi di contribuire allo sviluppo della propria comunità e del proprio territorio.

Finanziamenti a Fondo Perduto a livello europeo e nazionale

La Comunità Europea, responsabile della distribuzione e dell’erogazione di fondi destinati alla sovvenzione di numerosi progetti ogni anno destina del capitale a Fondi di varia natura.

Molti dei prestiti stanziati tramite queste tipologie di Finanziamenti a Fondo Perduto mirano infatti a colmare le disparità, economiche e sociali, nei diversi paesi dell’unione e a migliorare la salute di ciascun territorio tramite una distribuzione più equa delle risorse disponibili tra le varie regioni.

Anche alcuni dei maggiori settori produttivi come l’agricoltura o l’attività marittima possono contare su fondi specifici creati per supportare chiunque lo richieda, ma non solo. Anche le associazioni artistico-culturali possono beneficiare di questo tipo di sovvenzioni, anch’esse ideate per garantire il finanziamento di tutti gli enti, delle comunità artistiche e delle associazioni di divulgazione culturale così importanti per il nostro territorio.

In Italia solo nello scorso biennio si è registrato un aumento considerevole di attività aperte da giovani under 35, testimonianza importante del successo delle manovre economiche utilizzate per combattere il fenomeno della disoccupazione giovanile.
Per maggiori informazioni vi invitiamo a consultare il portale online di Invitialia per chiarire e risolvere eventuali dubbi o perplessità.

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

ISAE – il Team

L’attività SEO su Isae.it è gestita dalla Fattoretto srl.

Per contattare il team di Isae.it e richiedere informazioni basta andare nella pagina contatti, che potrai trovare cliccando qui.

Disclaimer

Tutte le informazioni presenti nel sito isae.it sono da intendere a puro scopo informativo e NON rappresentano in alcun modo consigli o indicazioni finanziarie. Gli Autori ed i titolari di isae.it non possono garantire il successo delle strategie suggerite e non si assumono la responsabilità per le scelte e gli investimenti fatti dai lettori.

ISAE- Istituto Studio Analisi Economica

L’ISAE prosegue le inchieste congiunturali sui consumatori e sulle imprese già svolte dall’ISCO, garantendone la continuità scientifica, per quel che riguarda le serie storiche dal 1982. Le indagini sono svolte nell’ambito di uno schema armonizzato in sede europea, che ne consente la comparazione con quelle realizzate da altri analoghi Istituti comunitari (come l’Institut National de la Statistique et des Etudes Economiques – INSEE in Francia e l’Institut fűr Wirtschaftsforschung – IFO in Germania).

Copyright 2018 Isae.it di Fattoretto srl – P.iva 04245770278

L’attività SEO su Isae.it è gestita da www.massimofattoretto.com.